Quarzite Argentea – la pietra esclusiva altoatesina, un unicum nel mondo.

La quarzite argentea è una pietra metamorfica che si trova soltanto in Val di Vizze, in Alto Adige. Le estreme e mutevoli condizioni geologiche di questa zona geografica l’hanno resa una delle pietre naturali più dure al mondo.

La citate condizioni geologiche non solo ne influenzano la durezza , ma giocano un ruolo fondamentale anche nella sua composizione chimica e mineralogica. Esistono due tipi di quarzite argentea: la prima, più chiara, con un contenuto di quarzite superiore al 90%; la seconda, più scura, con quarzite per almeno il 60%. Quest’ultima è nota anche per il contenuto molto alto di rutilo, zircone, ematite o magnetite. Questa varietà stessa minerale è alla base dell’ampia gamma di utilizzi che si fa di questa pietra, sia nel trattamento del corpo che della mente.

Kornelia Schwitzer, fondatrice di SilberQuarzit Experience, vive non lontano dalla cava di quarzite argentea e lavora da oltre dieci anni con questa pietra incredibile e unica.
Con un background consolidato in Naturopatia, Salutogenesi, Balneoterapia e Cosmetica, il suo percorso è stato imperniato sul rendere accessibile il potere della quarzite argentea alle persone, sviluppando dei prodotti e trattamenti ad hoc.

Composizione della Quarzite Argentea.

Il Dr. Wolfgang Marktl, Direttore dell’Istituto di Fisiologia dell’Università di Vienna e Presidente dell’Accademia Internazionale di Medicina Olistica GAMED con sede a Vienna, annovera la quarzite argentea chiara tra i minerali curativi scientificamente riconosciuti.

Egli sostiene che “la quarzite argenta chiara è un peloide geogenico di origine inorganica classificato nella medicina termale nel gruppo dei minerali curativi”. (da “Rapporto Balneoterapico sulla presenza di Quarzite Argentea in Val di Vizze/ Alto Adige”, Dr. W. Marktl, 2011).

Applicazioni ed effetti della quarzite argentea.

A seconda della sua composizione, la quarzite argentea ha utilizzi diversi. Quella chiara ha un forte effetto deacidificante e supporta in modo ottimale il processo di disintossicazione del corpo. La quarzite argentea scura, invece, ha una gamma di effetti molto più variegata, in ragione della complessità mineralogica che abbiamo visto precedentemente. La quarzite, in questo caso, agisce da perfetto “ponte” tra questi minerali e il corpo umano, amplificandone gli effetti benefici.

Sulla base dell’empirismo medico e dei rapporti balneoterapici, la quarzite argentea risulta efficace per:
disintossicazione del corpo;
deacidificazione e rassodamento della pelle soggetta a cellulite;
supporto per disturbi dermatologici (ad es. Neurodermite, psoriasi, eczema, acne, foruncoli, cicatrizzazione, ecc.)
trattamenti naturopatici
trasferimento di essenze e oli naturali al corpo
liberazione da blocchi mentali ed emotivi

Composizione minerale della Quarzite Argentea.

*L’analisi petrografica della quarzite argentea, svolta dal Dr. Volker von Seckendorff dell’Istituto di Geografia e Geologia di Würzburg, ha determinato i seguenti valori:

Quarzite Argentea Scura:

Quarzite 60%
Muscovite 20%
Biotite 5%
Clorito 5%
Ematite 5%
Tormalina 3%
Magnetite 2%

Quarzite Argentea Chiara:

Quarzite 95%
Muscovite 1%
Biotite 1%
Ematite 1%
Tormalina 1%
Magnetite 1%

Cenni storici sulla Quarzite Argentea.

Circa 150 milioni di anni fa, la Placca Africana e quella Euroasiatica si avvicinarono ed entrarono in collisione. La pressione generata causò faglie, falde, sovrascorrimenti e pieghe, portando alla formazione delle Alpi nel corso di milioni di anni.

In questo gioco di pressioni durato millenni, la Placca Euroasiatica è prima scivolata sotto quella africana, per poi riaffiorare in alcuni punti, dette finestre tettoniche, in seguito all’erosione e successiva demolizione della placca sovrastante.

In Alto Adige c’è una di queste finestre, conosciuta come la Finestra dei Tauri. Grazie a questo fenomeno geologico, gli esperti possono letteralmente dare un’occhiata agli strati più profondi della terra e quindi alla loro storia.

Dopo un lungo viaggio a temperature di oltre 500 ° C e una pressione fino a 8 kilobar, quella che un tempo era la fascia costiera meridionale della Placca Euroasiatica è stata trasformata in una delle pietre naturali più dure al mondo: la quarzite argentea.